Mars 500: la missione su marte simulata è in fase di rientro

pianeta rosso,missioni su marte,esaEbbene si, la missione su marte simulata sta compiendo il suo giro di boa, gli astronauti dovrebbero “rientrare” sulla i primi giorni di Novembre.

Anche se la loro missione è simulata, i sei astronauti sono in reale isolamento da ormai un anno.

Il simulatore che ospita la missione si trova all’interno dell’Istituto per i Problemi Biomedici (Ibmp) di Mosca, ospita i tre Russi, due europei e un cinese, per la missione firmata ESA.

La struttura creata appositamente per la missione, riproduce fedelmente quella che dovrebbe essere la situazione ambientale degli astronauti che vivono nella navetta e scendono sul pianeta rosso per una passeggiata o per fare delle ricerche o per cercare campioni.

Dal diari di uno degli astronauti è palese la sua frustrazione quando scrive “se pensi a tutto quello che hai fatto a partire da un anno fa e ti rendi conto che da allora stai vivendo in una scatola di metallo senza finestre!” 

Si può ben immaginare che, i sei astronauti non provino la stessa emozione e la stessa enfasi che provavano durante i primi mesi di missione, quelli che “dalla terra li portava sul pianeta rosso.”

Charles Romain, uno dei sei astronauit scrive sul suo diario “Il lato oscuro di questa routine è che ogni giorno per l’anno passato ci siamo svegliati alle stesso tempo di fare gli stessi controlli medici con gli stessi dispositivi: no pause week-end o le vacanze per un anno“. 

Probabilmente una partenza reale potrebbe essere meno abitudiniaria, perchè ci sarebbe l’adrenalina del viaggio vero ( credo suppongo).

La “navetta” utilizzata è composta da quattro moduli, per un volume totale di circa 500 metri cubici, in pratica lo stesso spazio disponibile per gli astronauti della ISS.

Con uno dei lander a loro disposizione, hanno caricato il materiale necessario e sono discesi sul pianeta, Diego Urbina, Wang Yue e Alexandr Smoleevskiy sono i tre che hanno fatto la discesa stessa e la prima passeggiata sul pianeta rosso.

 

IMG_1450_large,0.JPG

Mancano ancora cinque mesi al rientro, ma nonostante la noiosa routine lo spiro degli astronauti è forte.

Queste sono alcune frasi dal loro diario:

“Il nostro equipaggio ha mantenuto fino alle decine di esperimenti che dobbiamo fare costantemente, non importa i bei tempi o momenti difficili, producendo dati di qualità che aiuta alcuni dei migliori scienziati europei per valutare ciò che i viaggiatori spaziali del futuro passerà attraverso », scrive Diego.

 

“Abbiamo ancora cinque mesi davanti a noi un sacco di opportunità per rendere questo viaggio ancora più speciale Marte”, aggiunge Romano.

 

“Abbiamo una grande squadra e anche se i nostri sfondi sono notevolmente diverse, non abbiamo mai avuto alcun conflitto tra di noi. Ecco perché sono pieno di ottimismo per i nostri ultimi giorni nei moduli Mars500. Ci vediamo il 5 novembre, quando faremo atterrare sulla Terra dopo il nostro viaggio di 520 giorni per il Pianeta Rosso, non prima! “

 

IMG_0357,1.jpg

 

A voi i link delle ultime lettere scritte da Diego e Romain

Mars 500: la missione su marte simulata è in fase di rientroultima modifica: 2011-06-13T11:21:00+00:00da raffaela075
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento