L’antartide, una distesa di erba verde, 37.000.000 di anni fa

 

antartide, continente antartico, glaciazione, deglaciazione, scienza

 

Uno studio internazionale, intrapreso dall’università Rice di Houston e pubblicata su PNAS la rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, ha rivelato che l’antartide così come lo conosciamo noi, è il frutto di un processo di congelamento che è iniziato 37 milioni di anni fa e gradualmente ha ricoperto di ghiaccio una distesa verde.

Il gruppo di ricercatori che ha condotto gli esperimenti, coordinati da John Anderson, hanno riportato alla luce dei sedimenti rimasti intrappolati nel ghiaccio, sono stati analizzati così come ogni singolo evento sismico avvenuto nella zona, hanno scoperto che oltre 40 milioni di anni fa la temperatura della zona antartica si aggirava intorno ai 10 gradi sopra lo zero, la vegetazione era in prevalenza tundra e boschi di conifere, poi tra il 37/34 milioni di anni fa con l’aumentare dell’anidride carbonica nell’atmosfera la temperatura ha cominciato a diminuire fino alla creazione nelle ere più recenti di tutti i ghiacciai.

Si parla di ere recenti, in modo relativo, in quanto l’ultimo spiraglio di verde nella zona antartica è riuscita a resistere fino a 12 milioni di anni fa.

Gli esperti ipotizzano che questa modifica ambiantale e termica sia dovuta all’epoca dalle prime formazioni dei corridoi oceanici e successivamente dalle correnti, ed infine dall’isolamento al quale geograficamente è costretto il continente antartico.

Questo sarebbe anche confermato dal fatto che in alcune zone costiere antartiche deglaciate sono stati ritrovati dei licheni, che ora popolano queste zone. I licheni sono funghi ed alghe che vivono in simbiosi, la loro crescite è particolarmente lenta e possono sopravvivere anche in condizioni estreme, la loro morte porta alla vita perchè rendono il terreno fertilissimo e quindi fonte di vita per altre piante.

 

L’antartide, una distesa di erba verde, 37.000.000 di anni faultima modifica: 2011-06-28T13:36:08+00:00da raffaela075
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento