Le stelle hanno trovato il modo di ringiovanire

Alcune stelle che fanno parte dell’ammasso denominato NGC 188, hanno una stranezza rispetto alle altre, sono più e più calde. Ma facendo parte dello stesso ammasso in teoria dovrebbero avere la stessa età.

C’è il trucco!

Aron M. Geller e Robert D. Mathieu rispettivamente della Northwestern University e della Wisconsin-Madison University, hanno scoperto l’arcano.

Secondo il diagramma di Hertzsprung-Russel la popolazione dell’ammasso stellare segue sempre la stessa evoluzione, si distribuisce in diagonale, in alto si trovano le stelle più blu e più calde, mentre ovviamente verso il basso tendono a spostarsi le stelle più fredde e quindi più rosse. La trasformazione di queste stelle è abbastanza semplice, convertono l’idrogeno in elio attraverso la fusione nucleare, questo processo è molto più veloce nelle stelle grandi, con massa superiore rispetto alle compagne, tutto questo continua fino a quando carburante non si consuma, dando così orgine al loro mutamento in giganti rosse, quindi più fredde, in sintesi stelle in fase terminale.

blu stragglers,stelle giovani,giganti rosse,nane bianche,evoluzione di una stella,diagramma di hertzsprung-russel

Dovrebbe funzionare sempre così, ma non per queste stelline dall’eterna giovinezza, chiamate anche blu stragglers ( stelle vagabonde), in pratica queste stelle risalirebbero la corrente, rimanendo nella cerchia delle stelle più calde, e rimarrebbero sempre blu, rispetto alle sorelle della stessa età.

 

blu stragglers,stelle giovani,giganti rosse,nane bianche,evoluzione di una stella,diagramma di hertzsprung-russel

Ma la domanda chiave di tutta questa notizia è: come faranno a risalire la corrente? e come fanno a restare sempre blu dopo aver consumato tutto l’idrogeno? lo rubano alle altre? Se è così in che modo?  Collisione? Fusione? Trasferimento di massa?

Spesso le stelle fanno parte di un sistema binario, quindi, in teoria l’ultima potrebbe essere la teoria più accreditata.

Al WIYN Observatory hanno studiato 21 (ventuno) di queste stelle, nell’ammasso NGC 188, della costellazione di Cefeo, hanno effettuato simulazioni, per capire quali tra le teorie proposte fosse la più stabile o quanto meno che spiegasse in qualche modo il movimento.

In pratica come avevamo supposto, alcune stelle di quell’ammasso fanno parte di un sistema binario e quindi se una gigante rossa, passa ad una stella vagabonda parte del suo carburante residuo, questa si tramuta in una nana bianca.

Ora assodato che le stelle vagabonde sono stelle ladre, bisogna capire come fanno queste stesse a spostarsi senza seguire quello che sarebbe il normale movimento delle stelle in un ammasso del genere.

Per questo probabilmente dovremo aspettare un pò, ma siamo fiduciosi, piano piano il mistero dell’universo ci viene svelato.

Le stelle hanno trovato il modo di ringiovanireultima modifica: 2011-10-21T00:28:00+00:00da raffaela075
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento