La missione spaziale russa verso Phobos è terminata?

Partita poco più di ventiquattro ore fa la missione spaziale russa, che avrebbe toccato il suolo di Phobos nella fine del 2012, sembra essere fallita miseramente.

Ancora non sono giunte conferme o smentite dall’agenzia spaziale russa, e tutto questo silenzio non lascia presagire nulla di buono.

Marte,Phobos, Phobos grunt, Missione spaziale russa

Secondo il portavoce del Roscosmos Vladimir Popovkin, dopo una notte difficile in cerca del segnale della sonda che si trovava in una zona non coperta, cercheranno ora di ricarcare sul computer di bordo la nuova traiettoria verso l’orbita di Marte. 

Il tempo stringe però.

Sono già passate ventiquattro delle settantadue (72) ore di autonomia che hanno le batterie interne della sonda per permettere le comunicazioni con la terra.

 

I problemi tecnici sembrano perseguitare l’Agenzia spaziale russa, che puntava su questa missione per riprendersi definitivamente dalla fine della guerra fredda.

Ma nonostante i progetti per questo volo siano cominciati nel lontano 1992, la partenza è giunta solo ieri.

Era già stata prevista per il mese di Luglio del 2007, ma fu rimandata per piccoli problemi interni.

Spostata al 2009, stessa situazione problemi diversi.

Da li poi l’aggiunta del satellite cinese (lucciola) che approfitta del passaggio per salire a bordo e scendere nell’orbita di marte per iniziare le sue prime indagini. E li, piccoli problemi di struttura insorgono, poichè l’agenzia spaziale russa deve modificare l’aspetto e l’assetto di Phobos per permettere al satellite di appoggiarsi sopra. 

Ma intanto in attesa del lancio previsto per Novembre 2011, l’agenzia spaziale prova a mandare una navetta Soyouz prima e un cargo Progress dopo, per iniziare i primi viaggi automatici e senza personale per i rifornimenti alla ISS.

Risultato? Falliti miseramente.

Il cargo, per ultimo si è schiantato in Siberia poco dopo il lancio.

Il problema sembra sia legato a un propulsore Fregat che non si accende.

E arriviamo così a ieri, lancio da manuale, partenza perfetta, ma il Fregat era in agguato e quando è arrivato il suo turno l’accensione è fallita.

La missione non è ancora fallita

Il grosso problema della sonda, non sono tutti i soldi spesi che andranno in frantumi o dispersi nello spazio, il grosso problema sono quei pochi grammi di cobalto57 utilizzati per il funzionamento dello spettrometro montato su Phobos che dovrebbe ricercare il ferro sul suolo della luna di marte.

 

Marte,Phobos, Phobos grunt, Missione spaziale russaAltro problema è che, se la sonda non riuscirà a prendere la traiettoria corretta verso Marte, continuerà ad orbitare intorno alla terra, fino a quando non perderà velocità e potenza e poi cadrà giù come una pera sul nostro pianeta.

Non è per creare falsi allarmismi, ma fino a quando l’agenzia spaziale russa non fornirà informazioni o dettagli in merito le opzioni sono due: 

– Phobos grunt arriva su Marte

– Phobos grunt precipita sulla Terra con il suo micro carico radioattivo.

 

E non basteranno i dieci giorni di orbita a sistemare la situazione, perchè il tempo di decadimento del cobalto57 è di circa nove mesi o poco più.

Quindi incrociamo le dita e speriamo in buone notizie nelle prossime 48 ore

La missione spaziale russa verso Phobos è terminata?ultima modifica: 2011-11-09T23:05:42+00:00da raffaela075
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento