Il Monolite di Marte. Vero o Falso?

Ancora una volta il pianeta rosso viene scrutato al lanternino, ogni piccola imperfezione, ogni piccola increspatura o irregolarità nella superficie viene considerata come una traccia della conferma che su Marte c’è stata o c’è vita. Questa volta  la traccia è a metà strada tra realtà e fantascienza. Kubrick aveva raccontato nel film 2001 Odissea nello spazio di un monolite nero, … Continua a leggere

Keplero guadagna 4 anni di ricerche

Keplero, la sonda partita a caccia di pianeti simili alla terra, partita nel Marzo 2009 avrebbe dovuto abbandonare le ricerche quest’anno. Roger Hunter, project manager di Kepler della NASA Ames Research Center, ha dichiarato “Kepler ha rivoluzionato la nostra comprensione dei pianeti extrasolari, lo studio della sismologia e la variabilità stellare …. Non esiste attualmente alcuna altra missione che può … Continua a leggere

Marte: Acqua, ghiaccio, umidità? forse no!

Il pianeta rosso si trova ancora una volta sotto i riflettori, secondo uno studio la possibilità della presenza dell’acqua sulla superficie del pianeta è obsoleta e improbabile. Durante la  Lunar and Planetary Science Conference svoltasi in texas il mese scorso, Jim Head, planetologo della Brown University ha lanciato una sfida asserendo che secondo un modello climatico che lui ed alcuni … Continua a leggere

Sergio Campana: Swift target to opportunity per YU552005

L’asteroide YU55 2005 ci ha sfiorati e sembrava fosse passato oltre, caduto ormai nel dimenticatoio come tanti eventi astronomici che arrivano, si mostrano a noi e poi passano via, lasciandoci solo il ricordo del momento. Ma per YU55 2005 sembra che le cose siano andate diversamente, per sua fortuna mentre tutti attendevano, con gli occhi puntati ai monitor per osservare … Continua a leggere

La ISS attende i suoi nuovi inquilini

Questa mattina, alle  5.14 ora italiana, dal cosmodromo di Baikonur è partita navetta Soyuz TMA-22. Il roll out è stato effettuato nella massima segretezza, infatti solo due ore dopo la fine delle operazioni la NASA ha diffuso il filmato video. In molti suppongono che tale riserbo si sia reso necessario dopo gli spiacevoli eventi delle ultime missioni russe, ma pare … Continua a leggere

Phobos Grunt è arrivata al capolinea

Dichiarata ormai ufficialmente fallita la missione russa per raggiungere Phobos. Il Norad ha già comunicato la data di rientro della sonda sulla terra: il 26 Novembre. La Roscomos, l’agenzia spaziale russa, ha dichiarato di essere profondamente sconcertata dalla fuga di notizie che si sono diffuse sul web negli ultimi giorni, accusa infatti la stampa di aver distorto i comunicati ufficiali. … Continua a leggere

L’Asteroide Yu55 2005 è passato oltre

Le previsioni da parte della NASA e dell’ESA sono state rispettate. L’aseroide ci è passato molto vicino e lo spettacolo offerto è stato emozionate. Chi si aspettava scene di panico alla deep impact, all’armageddon o degno dei miglior film catastrofici si è sbagliato. L’astoride ci è passato molto vicino è vero e grazie ai grandi telescopi un pò sparsi per … Continua a leggere

La missione spaziale russa verso Phobos è terminata?

Partita poco più di ventiquattro ore fa la missione spaziale russa, che avrebbe toccato il suolo di Phobos nella fine del 2012, sembra essere fallita miseramente. Ancora non sono giunte conferme o smentite dall’agenzia spaziale russa, e tutto questo silenzio non lascia presagire nulla di buono. Secondo il portavoce del Roscosmos Vladimir Popovkin, dopo una notte difficile in cerca del segnale … Continua a leggere

E’ guerra aperta tra Eris e Plutone. Chi è più grande?

Scoperto l’8 Gennaio 2005 da Michael Brown, Chad Trujillo e David Rabinowitz, fu da subito considerato il pianeta nano più grande esistente. Tanto che si accese una battaglia a colpi di misure, tra i sostenitori di Plutone per capire chi dei due fosse il più grande. Ma non solo. Le precedenti misurazioni di Eris, portarono a rivedere i parametri entro i … Continua a leggere

Soyuz VS01: Galileo IOV guarda in diretta la fase di separazione

Abbiamo vissuto insieme la partenza del Soyuz VS01, e come per tutte le partenze quel brivido di emozione corre lungo la schiena, questo forse ancora più importante e più emozionante, perchè segna un grande passo per le missioni spaziali europee e per l’indipendenza dal GPS americano. L’ESA ci offre in diretta la visione della fase di separazione link la diretta a partire … Continua a leggere