Satellite Swift

 

Swift Gamma Ray Burst Explorer, citato sovente semplicemente come Swift ed a volte comeExplorer-84, è un satellite artificiale messo in orbita dalla NASA nell’ambito del Programma Explorer. È dedicato allo studio dei lampi gamma. Dopo IMAGE e WMAP, è la terza missione della serie Midex.

Lanciato alle 17:16 UTC del 20 novembre 2004 dalla base di Cape Canaveral usando come vettore un razzo Delta II 7320-10C, è stato posizionato su un’orbita caratterizzata da un apogeo di 604 km, un perigeo di 585 km, un periodo di 96,6 minuti e un’inclinazione di 21°. La missione, la cui durata era stata stabilita inizialmente in due anni, è stata successivamente prolungata di quattro anni.

Il satellite è frutto di una collaborazione tra l’americana NASA, l’italiana ASI e il britannico PPARC. La principale base terrestre è il Centro spaziale Luigi Broglio, mentre l’archivazione dei dati è svolta alGoddard Space Flight Center. Lo studio scientifico dei dati è svolto al Goddard Space Flight Center, all’università di Leicester e all’Osservatorio di Brera. L’ASI ha contribuito anche nella strumentazione.

Contrariamente a quanto comunemente accade per i satelliti, il nome non è un acronimo ma si rifà al nome inglese del rondone, uno degli uccelli dal volo più agile e veloce, ed è stato scelto per richiamare la rapidità di puntamento del satellite garantita da un sistema giroscopico controllato da motori elettrici.

 

 

Il satellite e la strumentazione

Il corpo principale del satellite ha un diametro di circa 2,7 m e una lunghezza di 5,7 m; nella configurazione di massimo dispiegamento dei pannelli solari raggiunge una larghezza di 5,4 m. Il peso complessivo è di 1,47 tonnellate. È dotato di batterie Ni-H2 (al nickelidrogeno) ricaricate da pannelli solari. La stabilizzazione e il puntamento sono controllati da 6 giroscopi.

Swift è equipaggiato con tre telescopi allineati tra loro:

– BAT (Burst Alert Telescope, lett. Telescopio per l’allerta lampo): individua i lampi e ne determina le coordinate astronomiche. Copre 1 steradiante a scansione completa e 3 a scansione parziale. Entro 15 secondi determina, con un’approssimazione di 1÷4 arcominuti, la posizione che viene trasmessa a terra per permettere il puntamento di altri telescopi. Basato sul principio della stenoscopia, poiché non è possibile far convergere con lenti i raggi gamma in una focale, il telescopio consta di 52.000 piastrine di schermatura da 5 mm in piombo casualmente distribuite ad una distanza di un metro dalle 32.768 piastrine da 4 mm in CZT (una lega di cadmiozinco e tellurio) per la rilevazione dei raggi X duri. A livello energetico copre l’intervallo tra i 15 e 150 keV.

– XRT (X-ray Telescope, lett. Telescopio a raggi X): fotografa e analizza lo spettro del code di emissione dei lampi, determinado una così una migliore localizzazione della sorgente con un’approssimazione di 3,5 arcosecondi. Lo studio della coda può protarsi per giorni o settimane in funzione dell’intensità del lampo. È costruito sul principio del telescopio Wolter di tipo I e copre l’intervallo tra 0,2 e 10 keV.

– UVOT (Ultraviolet/Optical Telescope, lett. Telescopio ultravioletto/ottico): a riposizionamento avvenuto, studia la coda di emissione nelle frequenza del visibile e dell’ultravioletto (170 – 650 nm). Ha una risoluzione inferiore all’arcosecondo.

Il sistema di controllo automatico permette rapide correzioni di puntamento innescate dalla rilevazione di un lampo ad opera del BAT. Entro 20 secondi inizia l’azione di correzione che porta l’XRT a puntare verso il lampo entro i 70 secondi dal rilevamento iniziale. L’UVOT inquadra la sorgente del lampo entro i 4 minuti. 


Fonte: Wikipedia

Satellite Swiftultima modifica: 2011-11-14T22:30:41+00:00da raffaela075

Lascia un commento